Torna al blog

Consulenza

17 Aprile 2020

Sanificazione con ozono: una speranza per l’uomo e l’ambiente

Nelle ultime settimane è balzato agli onori della cronaca: l’utilizzo dell’ozono nella sanificazione degli ambienti (soprattutto sanitari) e nella sperimentazione di terapie con immediati e positivi riscontri per la cura del Covid-19 ha regalato una speranza all’intero mondo scientifico. Ma nello specifico, che cos’è l’ozono? In quali ambiti viene già impiegato e in quali invece sono in atto sperimentazioni ad hoc? 

Che cos’è l’ozono? 

L’ozono è un gas naturale composto da tre molecole di ossigeno dal gran potere ossidante. In natura si forma grazie a scariche elettriche durante i temporali o grazie all’azione dei raggi solari ultravioletti. È noto che uno strato di ozono protegge il nostro pianeta dai raggi solari UV-B, nocivi per la salute, ma sono molte le sue proprietà ossidanti e disinfettanti. 

 

Ozono per sanificazione ambienti: tutte le proprietà  

Sono tanti e ad oggi collaudati gli impieghi di questo gas, fedele alleato in aziende chimiche, alimentari e di sanificazione. Tra gli impieghi più noti ricordiamo: 

  • Disinfezione ambienti: l’ozono è in grado di degradare ed eliminare qualunque elemento inquinante o nocivo (virus, acari, insetti, spore, muffe, sostanze chimiche dannose, ma anche fumo e odori). Essendo un gas naturale, pochi minuti dopo il suo utilizzo si trasforma in ossigeno, senza lasciare traccia o residui chimici. 
  • Sanificazione materiali: l’ozono pulisce e igienizza a fondo qualsiasi materiale con cui entra in contatto. È impiegato nella pulizia di materassi, divani, poltrone, tappeti, moquettes ma anche veicoli (ambulanze, autobus, carrozze del treno…) e ambienti. È riconosciuto dal Ministero della Salute come procedimento ad alto impatto igienizzato e certificato da studi clinici e universitari. 
  • Industria alimentare: sono noti gli utilizzi dell’ozono nella disinfezione di impianti e strutture in più settori, tra cui ittico, caseario, avicolo, della carne, dei cereali e dell’ortofrutta. 
  • Trattamento delle acque: l’ozono come ossidante è utilizzato nel trattamento dell’acqua, nella sanificazione, nel lavaggio e nella disinfezione di attrezzature negli impianti a produzione alimentare. Con la sua altissima carica antimicrobiotica, l’ozono è una valida alternativa all’utilizzo del cloro e del perossido di idrogeno per la sanificazione nell’industria alimentare.  

Insomma, gli impieghi e vantaggi dell’ozono sono ben noti, ma non per questo gli studi e le ricerche nel settore si sono esauriti. 

 

Ozonoterapia: utilizzo terapeutico dell’ozono nella cura del Covid-19 

Potrebbe infatti arrivare dall’ozonoterapia la risposta clinica che in molti stanno attendendo circa la cura dei pazienti che hanno contratto il Coronavirus. In che modo? 

Dal reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine è stata avviata una sperimentazione su 36 pazienti, curati con l’ozonoterapia. Il trattamento prevede il prelievodi 200 ml di sangue dai pazienti contagiati, la sua interazione con l’ozono per una decina di minuti e la successiva ri-iniezione nel corpo. L’operazione viene ripetuta 3-4 volte e associata all’impiego di farmaci virali.  

I risultati del trattamento sono stati davvero incoraggianti: dei 36 pazienti sottoposti all’ozonoterapia, infatti, 35 sono stati dimessi dopo tre sedute e uno solo è stato intubato. La cura ha infatti potenziato la risposta dell’organismo all’infezione, uccidendo gli agenti parassitari, rallentando l’infiammazione e riducendo i danni ai polmoni.  

Effetti collaterali? Nessuno: nel peggiore delle ipotesi, infatti, pare che la terapia non sortisca effetti. I costi? L’ozonoterapia e la sanificazione degli ambienti con ozono hanno costi nettamente inferiori rispetto ad altre terapie sperimentali in atto.  

Sempre nelle strutture ospedaliere, l’ozono viene utilizzato anche nella sanificazione di ambulanze e di ambienti soggetti a contaminazioni.

 

Vuoi saperne di più?
Iscriviti alla newsletter

Scopri di più

Articoli correlati