LAVORO

Ti aiutiamo a conquistare il lavoro giusto o il riposizionamento professionale

Scopri di più
FORMAZIONE

Ti affianchiamo per sviluppare le tue competenze e orientare il tuo percorso professionale

Scopri di più
CONSULENZA

Colmiamo il gap tra il “dire” e il “fare” per far crescere il tuo business in modo sostenibile

Scopri Resolve
FORMAZIONE

Guidiamo la tua squadra in un percorso bilanciato tra saper essere, saper fare, saper utilizzare

Scopri di più
SVILUPPO DIGITALE

Aiutiamo la tua azienda a sfruttare le potenzialità del digitale, grazie a soluzioni concrete e training

Scopri Walk2Talk
INNOVAZIONE SOSTENIBILE

Accompagniamo la tua azienda verso l’innovazione, rendendo i tuoi progetti possibili

Scopri WeEurope
NULL

Manutenzione predittiva, preventiva e correttiva: di cosa stiamo parlando?

Uno sguardo vigile e attento alla manutenzione dei macchinari è fondamentale per evitare l’insorgere di guasti o, peggio ancora, il blocco della produzione. Gli interventi che si possono eseguire sono di varia natura, ognuno efficace in rapporto alle peculiarità aziendali e alla tipologia di arresto.

Oggigiorno sempre più realtà si orientano alla manutenzione predittiva dei macchinari: si stima che nel 2020 la quota investita nei sistemi informatici in Italia si aggirerà attorno ai 100 milioni di euro (tra le aziende che già lo stanno facendo ci sono TrenitaliaEnel Green Power e Gruppo Leonardo), mentre in Europa la spesa sfiorerà il miliardo di euro.

Ma che cosa si intende esattamente con manutenzione predittiva? E soprattutto, quand’è che un’azienda deve investire in questa direzione e quando può volgere lo sguardo altrove, verso la manutenzione preventiva o correttiva?

Manutenzione a guasto: tipologie di interventi

Ogni buon imprenditore sa che è necessario avere un occhio di riguardo per i macchinari impiegati in azienda affinché le performance siano sempre ottimali. Ma come intervenire sulla manutenzione in modo efficace e risolutivo? Con le giuste valutazioni e le corrette conoscenze al riguardo.

La manutenzione correttiva (o reattiva)

La manutenzione correttiva interviene nella riparazione del macchinario nel momento in cui avviene un guasto o viene rilevato un malfunzionamento. I limiti di questo intervento stanno nel dover ricorrere al fermo macchina non programmato, bloccando quindi la produzione, e nei costi per una riparazione non prevista.

Questa tipologia di intervento è consigliata alle aziende con basso carico di produzione, mentre è sconsigliata per i reparti direttamente coinvolti nel processo produttivo.

Esempio di manutenzione correttiva: intervento mirato su un macchinario che smette di funzionare, mettendo in stand by la catena di produzione.

La manutenzione preventiva (o programmata)

Si intende l’insieme di attività di manutenzione programmate a calendario per prevenire guasti e garantire l’efficienza ad alte prestazioni dei macchinari. Queste tipologie di interventi hanno un carattere sistematico, pertanto il limite è sia nel blocco della produzione che nella tipologia di manutenzione, in quanto l’intervento può scostarsi dalle effettive condizioni del macchinario al momento dell’operazione.

Questo approccio è consigliato alle aziende in grado di pianificare le fermate programmate della produzione, così da intervenire senza limitare l’attività lavorativa.

Esempio di manutenzione preventiva: ispezioni programmate ai macchinari a forte rischio di usura per valutare possibili guasti.

La manutenzione predittiva

In questo caso si va ad analizzare lo stato di salute del macchinario per determinare in tempo reale se e quando sarà necessaria un’azione correttiva / migliorativa. Per fare questo ci si avvale di tools che periodicamente raccolgono e scambiano dati per stimare l’efficienza della macchina e le probabilità di guasti.

Questo approccio è consigliato alle aziende che puntano a migliorare l’efficienza dell’impianto produttivo: è stato appurato che questo tipo di manutenzione consente di abbattere del 25-30% i costi di manutenzione delle apparecchiature e di ridurne i tempi vuoti del 35-45%.

Ad oggi, l’Internet of Things (il cosiddetto IoT) e le nuove tecnologie hanno reso semplice e molto più economico rilevare e analizzare questa tipologia di dati, permettendo analisi più accurate e puntuali. In questo modo è l’Intelligenza Artificiale ad analizzare i dati, diagnosticare le anomalie e stimare il fine vita della macchina, lasciando alla compagine umana tempo per efficientare e snellire le procedure di riparazione.

Esempio di manutenzione predittiva: inserimento di sensori sui macchinari capaci di monitorare le vibrazioni dei motori e riscontrare possibili guasti in arrivo.

14 Febbraio 2020

ARTICOLI CORRELATI

CONTATTACI

per maggiori informazioni

Scopri di più