Consulenza
23 Settembre 2020

Aumentano le aziende che dicono di sì alla digitalizzazione

Perché sempre più aziende investono in strumenti digitali e quali sono i vantaggi derivati da questo primo semestre post-lockdown?

sunset-horizont-lake-clouds

Se fino all’inizio del 2020 la rivoluzione digitale sembrava appannaggio solamente di una piccola percentuale di imprenditori e manager “illuminati”, l’esperienza vissuta nel periodo del lockdown ha indotto tutte le aziende, indipendentemente dalle dimensioni e dal numero di risorse, ad abbracciare i principi della digitalizzazione per far fronte alle chiusure delle attività e far progredire il loro business.

Smart working, webinar, video tutorial, videocall, consulenze online sono quindi diventati parte della quotidianità per moltissimi lavoratori e difficilmente si ritornerà al modo di lavorare pre-pandemia. Ma nel concreto, cosa significa fare Digital Transformation in azienda? Perché sempre più aziende investono in strumenti digitali? E, dati alla mano, quali sono i primi vantaggi concreti e diretti derivati da questo primo semestre post-lockdown?

 

Perché e dove implementare il digitale in azienda?

 

La trasformazione digitale ha spinto e spinge imprenditori e manager ad essere reattivi nei confronti delle nuove tecnologie e li esorta a riconsiderare il modo stesso di “fare impresa”. Ciò avviene a diversi livelli:

  • Introduzione di nuovi strumenti digitali (es. CRM, gestionali all’avanguardia) ed impiego delle opportunità messe a disposizione dal web (es. social media, e-commerce);
  • Revisione ed ottimizzazione dei processi interni, così da semplificare e velocizzare la connettività, la reattività e la produttività di macchine e risorse per essere più reattivi alle esigenze del mercato;
  • Riorganizzazione in ottica digitale di tutti i reparti aziendali, dalle vendite alla gestione del personale, dall’organizzazione delle filiere al rapporto con gli stakeholders, in modo da rendere tutte le prestazioni misurabili, valutabili, rendicontabili e correggibili quasi all’istante.

Aver abbracciato tempestivamente i principi della Digital Transformation ha permesso a imprenditori e manager di reggere il colpo inferto dal lockdown e, in alcuni casi, anche di espandere la propria attività in settori e mercati prima irraggiungibili, come dimostrano gli elementi raccolti da Confartigianato nel primo semestre del 2020.

 

Dal dire al fare: i vantaggi delle imprese digitali

 

Nonostante i cali registrati da tutti i maggiori indicatori economici, le imprese che hanno deciso di affrontare la pandemia introducendo soluzioni digitali hanno registrato dati molto incoraggianti:

 

Lavoro agile

Per supportare lo sviluppo del business nonostante la chiusura fisica delle attività, il 19,9% delle MPI ha scelto di introdurre o diffondere ulteriormente lo smart working, fornendo ai propri dipendenti gli strumenti tecnologici per continuare le loro attività anche da casa e agevolandone la formazione per superare il gap di competenze percepito.

 

Omnicanalità

Diversificare i punti di contatto con il proprio pubblico è oggi come non mai, indispensabile per poter cogliere tutte le opportunità offerte dal mercato. Il 29,7% delle MPI orientate al commercio al dettaglio ha dichiarato di aver aperto un e-commerce per sostenere le vendite, ottenendo un inaspettato +31,9% delle transazioni online con cui è stato possibile controbilanciare la flessione registrata dei negozi fisici (-12,9%) nei primi sei mesi dell’anno.

 

Occupazione

Come spiegato in questo articolo, le aziende si stanno orientando sempre più verso la ricerca di professionisti del digitale che le possano sostenere nel percorso di trasformazione verso l’Industry 4.0. Dal punto di vista HR, nella prima metà del 2020 le imprese digitali hanno visto un aumento dell’occupazione del 4,1% (a fronte di una diminuzione del 3,6% degli occupati totali), confermando così il trend positivo registrato negli ultimi anni.

 

Leggendo questi dati e tenendo conto dei mutamenti epocali occorsi a causa della pandemia, il nuovo contesto, sempre più votato alla digitalizzazione, dev’essere quindi letto come un’opportunità imperdibile per innovare il sistema imprenditoriale e produttivo italiano e allinearlo, finalmente, agli standard europei.


Articoli correlati

Iscriviti

alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

Email *

Azienda *

P.IVA *

Tematiche interesse *

* Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della Legge 196/03 e del Reg.to Ue 2016/679. Privacy policy