IL MERCATO DELLA GARE PUBBLICHE ESTERE PER LA MEDIA IMPRESA ITALIANA

Premessa

Il settore dei bandi di gara pubblici (emessi cioè da governi, livelli subnazionali dell’amministrazione pubblica e da organismi pubblici sovranazionali) è uno fra i pochi ambiti di mercato ad essersi mantenuto stabile, quando non in crescita, durante la crisi economica. Si tratta di un mercato specialistico e molto controllato sotto il profilo normativo, che dunque garantisce l’osservanza di criteri internazionali di trasparenza e non discriminazione molto superiori rispetto a quelli riscontrabili nel settore privato. Il maggior impegno sotto il profilo delle procedure e dei requisiti da soddisfare è più che compensato dai volumi potenziali di vendita, dalla stabilità nel tempo della domanda (ad es. la durata media dei contratti è superiore a quella del settore privato), dalla sicurezza dei pagamenti e dall’impatto in termini di reputazione e promozione internazionale dell’azienda, che può favorire significativamente l’accesso ad uno o più mercati esteri. Dal 15 al 20% dei budget degli Stati esteri e delle organizzazioni internazionali vengono spesi per acquistare beni, servizi e lavori e dunque le opportunità di ingresso sono tante e rimangono per lo più costanti nell’arco dell’anno. L’accesso alle informazioni è relativamente agevole e la partecipazione è regolata da criteri oggettivi legati alla qualità del prodotto e del servizio offerti. Si tratta sicuramente di un business da esplorare e sfruttare, che non può mancare nella strategia di internazionalizzazione di una media azienda italiana.

Obiettivo

Il Corso permette di acquisire competenze tecniche di base così come informazioni più mirate sulle opportunità per l’azienda legate al mercato delle gare pubbliche estere con riferimento all’Unione Europea ma anche ai principali mercati extra UE.

Descrizione contenuti

Nella prima parte del programma si procederà con un’analisi dei bandi europei, di quelli nordamericani (nei mercati emergenti invece vige ancora una certa chiusura agli operatori stranieri) e di alcune organizzazioni internazionali (principalmente nell’ambito di progetti e finanziamenti per lo sviluppo) che vengono presentati sotto il profilo delle fonti informative per l’azienda e dei principali e più ricorrenti requisiti tecnico-legali. Si passano poi in rassegna la prassi e le buone pratiche internazionali in vigore nel settore, a cui le stazioni appaltanti estere si stanno progressivamente conformando, quindi si definisce l’attività di monitoraggio gare e la pianificazione dei costi e dell’impegno richiesto. Durante il corso si prenderanno brevemente in esame anche i sistemi di gestione delle irregolarità e di eventuali problemi sorti in sede di gara e durante l’esecuzione del contratto.

Programma
 

Il programma risulta suddiviso in due aree tematiche. La prima punta a definire e circoscrivere il settore dei bandi di gara esteri, di cui vengono illustrati la normativa, le fonti informative, i principali operatori e gli aspetti tecnici rilevanti in sede di partecipazione alla gara.

La seconda si concentra sull’attività di monitoraggio e pianificazione richiesta, sui rischi ed opportunità connessi ai bandi e sull’ipotesi di irregolarità e contestazione, a cui l’azienda deve prepararsi preliminarmente alla partecipazione. Durante il corso verranno utilizzati alcuni esempi concreti di bandi a supporto ed ulteriore chiarimento dei contenuti trasmessi.

PRIMA PARTE

  • Che cosa sono le gare internazionali: caratteristiche del mercato europeo, nordamericano e di alcune organizzazioni internazionali
  • Normativa di riferimento in area UE, modello nordamericano, GPA ed UNCITRAL: indicazioni principali con riguardo all’oggetto della gara, ai criteri di selezione ed attribuzione della commessa, ai modelli contrattuali, agli incentivi e sanzioni ed alla gestione del contratto da parte della stazione appaltante
  • Le principali fonti di informazione sui bandi internazionali

SECONDA PARTE

  • Rischi ed opportunità per l’impresa italiana che intende partecipare a gare internazionali: come prepararsi (sostenibilità economica, sistema delle referenze e certificazioni, modalità di ingresso nel mercato e strategie di gara più comuni)
  • Attività di monitoraggio dei bandi e pianificazione interna: quali competenze mettere in campo e come gestire il flusso delle informazioni
  • In caso di irregolarità o contestazioni: misure preventive e strumenti di risoluzione delle controversie a disposizione
  • Attività pratica di analisi di alcuni testi di bandi esteri a supporto della formazione
 

Livello del corso                                     specialistico

Durata
16 ore
Numero minimo partecipanti
4
Costo a persona (iva esclusa)
Euro 600,00 (Al netto IVA)
Area tematica
Gestione aziendale - amministrazione
Segnalaci il tuo interesse